mercoledì 10 aprile 2013

Sig. Le Macaron


Finalmente, dopo svariati fallimenti, i Macarons mi sono riusciti quasi alla perfezione, sono troppo soddisfatta! Per chi non lo sapesse, il Macaron è quel pasticcino francese che va tanto di moda e si presenta di mille colori accoppiato tipo bacetto di dama con una farcitura cremosa, l'impasto è a base di albume, zucchero e mandorle e la sua peculiarità è quella di avere le cupolotte circolari lisce con l'increspatura alla base... ed è proprio questa la difficoltà! Come dicevo, dopo vari tentativi andati male, ho capito che i passaggi  fondamentali sono solo due, non importa quanto zucchero, quante mandorle mettete o se fate delle varianti tipo nocciole o cacao ecc... l'IMPORTANTE è: leggete bene perché se seguirete questi piccoli due consigli vi verranno sicuramente ed eviterete, come me, di mangiare in personal, almeno per le prime 5 volte, valanghe di macarons bruttissimi (ma non meno buoni si intende!) che vi vergognerete ad offrire agli amici
1- l'impasto deve essere nè troppo morbido nè troppo duro, se risulterà troppo morbido i vostri Macarons vi si spiattelleranno come sottilette sulla teglia e saranno troppo sottili e secchi per assomigliare a quelli originali, se sarà troppo duro faranno il ciuffetto in alto ed i veri Macarons non hanno il ciuffo!
2- Una volta stesi sulla carta da forno ( che deve aderire benissimo alla teglia altrimenti le increspature faranno diventare i tondini dei quadrati, ovali, rettangoli e chi più ne ha più ne metta...) devono riposare almeno 2 orette prima di essere infornati, potrete infornarli solo quando passandoci sopra il dito, l'impasto non vi sporcherà e la pellicina che si sarà formata risulterà liscia. Passaggio indispensabile perché nella cottura il vapore acqueo che si formerà non avrà modo di uscire, come succede di consueto, dall'alto in quanto troverà la barriera della pellicina che si è formata con l'asciugatura ed uscirà invece da sotto facendo increspare il bordo.
Queste sono le regoline fondamentali. Detto questo possiamo passare al ripieno, va detto però che solitamente l'impasto base del Macaron è tutto uguale e profuma di mandorla, non ha gusti particolari, quello che conferisce al pasticcino l'aroma, è il ripieno, e qua potrete sbizzarrirvi.
Questa volta ho deciso di farli di due tipi, il primo ripieno più delicato, molto buono che unisce il gusto della mandorla a quello dolce del latte e dello zucchero, il secondo un pochino più strong ma ottimo se, come me,  siete amanti del caffè.

Macarons al Dulce de Leche
Ingredienti:
Latte fresco intero 1 l
Zucchero 300 g
Vaniglia metà bacca
Bicarbonato metà cucchiaino
Procedimento:
Mettete un pentolino sul fuoco con il latte e lo zucchero e mescolate, unite il cucchiaino di bicarbonato e la bacca di vaniglia (semi e bacca) e continuate a mescolare fino a quando il latte avrà preso il bollore e la crema sarà di un colore brunito. Quando avrete ottenuto una consistenza vischiosa tipo quella del mou, spegnete il fuoco e fate raffreddare.
Farcite i vostri Macarons con la crema fredda.

Macarons al caffè, Dulce de Leche e cioccolato
Ingredienti:
Dulce de Leche 3 cucchiai
Caffè espresso 1 tazzina
Cioccolato fondente 50 g
Procedimento:
Fate una tazzina di caffè e versatela in una ciotola dove mettete subito dopo il cioccolato fondente a pezzetti che col calore del caffè si scioglierà, mescolate ed unite infine il Dulce de Leche.
Farcite i Macarons con la crema ottenuta fredda.

Provate a farli e fatemi sapere!!


Con questa ricetta Macarons al dulce de leche e caffè partecipo al CONTEST  "Un caffè per la mamma"